“L’Educazione” di Tara Westover

“Il primo a determinare quella che sei è dentro di te.”

Per il mese di novembre ho scelto un libro indimenticabile e appassionante tratto da una storia vera: “L’educazione” di Tara Westover edito da Feltrinelli.

Tara, la protagonista e autrice del romanzo, nasce tra le montagne dell’Idaho in una famiglia di mormoni radicali, non è registrata all’anagrafe, non è mai andata a scuola e non ha mai visto un dottore.

“Ho solo sette anni ma so che è questo più di ogni altra cosa a rendere diversa la mia famiglia: noi non andiamo a scuola. Il papà ha paura che lo Stato ci costringerà ad andarci ma è impossibile perché lo Stato non sa di noi…. Non abbiamo libretti sanitari perché siamo nati in casa e non abbiamo mai visto un dottore o un’infermiera.”

Tara passa le estati ad inscatolare pesche e gli inverni a far la rotazione delle provviste in attesa dei Giorni dell’Abominio. Suo padre è convinto che presto i Federali arriveranno a portarli via come è accaduto ai loro vicini di casa. Si prepara così alla fine del mondo accumulando viveri e armandosi contro uno Stato nemico da cui non vuole dipendere. La figura di quest’uomo rigido, bipolare e intransigente ha un ruolo fondamentale nella formazione dei figli. Spesso accecato dalle sue ossessioni li mette in pericolo e li umilia.

“Il papà era sempre stato un uomo duro, uno che sapeva la verità su tutto, e non voleva sentir ragione dagli altri. Eravamo sempre noi ad ascoltare lui, mai il contrario: se non era lui a parlare, pretendeva il silenzio”.

A dominare le giornate della giovane e dei suoi fratelli ci sono la paura, la violenza e l’isolamento. Nonostante il delirio domestico Tara però trova una via di fuga: l’istruzione. Con la sua forza d’animo e la sua intelligenza riesce ad andare a Cambridge a laurearsi e a comprendere l’esistenza di una realtà diversa rispetto a quella di casa Westover.

Quando ha accesso al programma di istruzione, ignora cosa sia successo l’11 settembre e cosa sia l’Olocausto, poi grazie allo studio e all’appoggio di ottimi professori capisce che ciò che gli è stato insegnato fino a quel momento è folle e che, per ritrovare se stessa, è necessario allontanarsi dai suoi genitori e recidere i legami con essi. L’istruzione e la conoscenza sono il suo lasciapassare per l’autonomia e la crescita personale.

“Tutti i miei sforzi, tutti i miei anni di studio mi erano serviti ad avere quest’unico privilegio: poter vedere e sperimentare più verità di quelle che mi dava mio padre, e usare queste verità per imparare a pensare con la mia testa.”

“Potete chiamare questa presa di coscienza in molti modi. Chiamatela trasformazione. Metamorfosi. Slealtà. Tradimento. Io la chiamo un’educazione.”

Un’opera toccante, dura e commovente, ma al contempo un memoir potente ed interessante sia dal punto di vista psicologico che da quello sociale. Il riscatto di una ragazza che ha avuto coraggio. Una ragazza che non si è fermata di fronte alle difficoltà e che con fatica ha realizzato un sogno e posto le basi per un futuro migliore dimostrando con la sua testimonianza che la cultura rende gli uomini liberi.

 

Weblizar

Giorgia Negrini, contributor della rubrica "Un libro al mese". Laureata in Lingue e Letterature straniere, inguaribile bookeater, esperta di narrativa e due volte mamma.

 

 

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.